Pomodoro Nango

Pomodoro Nango

Numero di registrazione 63
Nome del prodotto Pomodoro Nango
Classe Verdura /
Chicchi di cereali / Legumi
Data di registrazione 2018/08/06
Area di produzione Prefettura di Fukushima
Minami-Aizu, Tadami e Shimogo, Contea di Minami-Aizu
Organismo di controllo Consorzio di tutela

Nango Tomato Production Association
22-1 Kawakubo, Miyatoko, Minamiaizu Town, Minamiaizu County, Fukushima Prefecture

http://www.nangotomato.jp/index_pc.html

Area di produzione

Il Pomodoro Nango è un pomodoro che cresce tra l'estate e l'autunno (pomodoro estivo-autunnale) e viene coltivato da oltre 50 anni.
 Il Pomodoro Nango è caratterizzato da una qualità stabilmente elevata e da un gusto delizioso e, nei primi anni '80, si è guadagnato una reputazione di qualità sui mercati ortofrutticoli di Tokyo e Yokohama. Il prezzo medio è circa il 10% più alto rispetto agli altri pomodori anche nella prefettura di Fukushima, che è ai primi posti per quantità venduta di pomodoro estivo-autunnale.

Per ottenere il Pomodoro Nango si utilizzano varietà selezionate dall'associazione dei produttori in base al gusto e all'idoneità alla coltivazione nella sua area di produzione.
 Con possibili variazioni in base alle condizioni climatiche, le piantine (comprese quelle innestate) devono essere piantate nell'area stabilita tra maggio e giugno e la coltivazione dev'essere effettuata in serra per proteggere le piante dalla pioggia.
 Non viene messo in vendita un prodotto danneggiato, che abbia avuto fuoriuscite di succo, sia notevolmente ammorbidito o la cui qualità sia deteriorata.

Il Pomodoro Nango viene coltivato in una zona montuosa a oltre 350 m di altezza, nota per le forti nevicate. Qui fa più fresco che in pianura e c'è una grande differenza di temperatura tra il giorno e la notte, e ciò rende quest'area adatta alla coltivazione dei pomodori.
 Nel 1962, 14 volontari dell'allora villaggio di Nango costituirono un gruppo di studio sui pomodori e il primo Pomodoro Nango fu un prototipo di pomodoro piantato in sostituzione del riso in un campo a coltura convertita di 50 are. Da allora, attraverso sforzi sistematici durati molti anni, l'introduzione di metodi di protezione dalla pioggia, l'istituzione di un sistema comune di selezione e la costruzione di depositi frigoriferi, il gusto e la qualità dei pomodori sono migliorati stabilmente.
 Nell'aprile del 2018 si contano 124 produttori e un'area di coltivazione di 35 ettari che produce oltre 2.000 tonnellate annue da più di 40 anni.

Back to
top

Un invito al fascino delle specialità tradizionali giapponesi