Ryukyu Moromi Su

Ryukyu Moromi Su,Ryukyu Moromisu,Ryūkyū Moromi Su,Ryūkyū Moromisu

Numero di registrazione 44
Nome del prodotto Ryukyu Moromi Su,Ryukyu Moromisu,Ryūkyū Moromi Su,Ryūkyū Moromisu
Classe Prodotti Lavorati
Data di registrazione 2017/11/10
Area di produzione Prefettura di Okinawa
Organismo di controllo Consorzio di tutela

Ryūkyū Moromisu Business Cooperative,

1-9-7 Wakasa, Naha City, Okinawa Prefecture

http://www.moromisu.info/

Area di produzione

Il Ryukyu Moromi Su (o Ryūkyū Moromisu) è una bevanda naturale di colore ambrato, acida, prodotta dal moromi o deposito grezzo e non raffinato, proveniente dalla fermentazione avvenuta durante la produzione di awamori di Okinawa (anche conosciuto come Ryūkyū awamori) (vedi nota 1). È facilmente bevibile perché il principale ingrediente acido è l'acido citrico, perciò paragonato ad altri aceti è leggero e privo dell'odore pungente dell'acido acetico.
 Il Ryūkyū Moromisu può essere consumato sia puro che come ingrediente o condimento. Negli ultimi anni, nelle riviste dedicate alla salute e nelle guide specializzate per consumatori di aceto, è stato oggetto di approfondimento ed è stato messo in risalto come bevanda salutare.

Il Ryūkyū Moromisu è ottenuto pressando e filtrando il moromi-kasu (depositi della fermentazione) della produzione di awamori.
 Il Ryūkyū Moromisu può essere allo stato puro o con l'aggiunta di dolcificanti come; zucchero grezzo non raffinato (kuro satō o zucchero nero), succo di frutta o estratti vegetali. Tuttavia, se viene miscelato, il Ryūkyū Moromisu deve costituire più del 75% del totale.
Ovviamente, tutte le fasi della produzione hanno luogo nella prefettura di Okinawa.

Si ritiene che il metodo di produzione del Ryūkyū awamori fu trasmesso al Regno di Ryūkyū (l'odierna Prefettura di Okinawa)(vedi nota 2) tra il XIV o XV secolo. Gli studiosi hanno proposto varie teorie sulle rotte di trasmissione come quella dalla Tailandia, da altre parti del sud-est asiatico o dalla provincia cinese del Fujian.
 La prefettura di Okinawa gode di un clima subtropicale temperato ma umido tutto l'anno. In queste condizioni climatiche, c'è il rischio che il processo di fermentazione possa essere esposto alla proliferazione di batteri, che potrebbero contaminare l'aceto. Pertanto, durante la lunga storia della produzione locale, sono state utilizzate le spore del kōji nero, che inibiscono la proliferazione di batteri indesiderati, nel processo di fermentazione. Questa tradizione è stata ereditata dai produttori odierni.
 Nel 1973, il primo Ryūkyū Moromisu fu messo in vendita. Fu ottenuto pressando e filtrando il moromi-kasu (depositi della fermentazione) della produzione di awamori e miscelando la soluzione di base con zucchero grezzo non raffinato (kuro satō o zucchero nero). Fino ad allora, i depositi di moromi erano stati principalmente usati come foraggio per maiali o come fertilizzante per i campi. Da oltre quarantatré anni, il Ryūkyū Moromisu viene prodotto nella prefettura di Okinawa.
 Oggi la Cooperativa Commerciale Ryūkyū Moromisu comprende tredici associazioni cooperative. Tutte producono Ryukyu Moromisu conforme agli standard per la spedizione.

  1. Il Ryūkyū awamori è una tradizionale bevanda alcolica proveniente dalla prefettura di Okinawa, fermentata da una base di riso indica ricoperta da kōji nero (spore koji ), acqua e fermenti.
  2. Il Regno delle Ryūkyū è esistito per 450 anni dal 1429 al 1879.

Back to
top

Un invito al fascino delle specialità tradizionali giapponesi