Kamisho Satoimo

Kamisho Satoimo

Numero di registrazione 43
Nome del prodotto Kamisho Satoimo
Classe Verdura /
Chicchi di cereali / Legumi
Data di registrazione 2017/11/10
Area di produzione Prefettura di Fukui
Distretto di Kamishō, città di Ōno, prefettura di Fukui (Al 30 giugno 2017, il nome ufficiale del distretto amministrativo è: Villaggio di Kamishō, città di Ōno, prefettura di Fukui)
Organismo di controllo Consorzio di tutela

Terral Echizen Agricultural Cooperative,

1-1301 Nakabasami, Ōno City, Fukui Prefecture

http://jaterral.jp/

Area di produzione

Il Kamisho Satoimo (o Kamishō Satoimo), chiamato anche Ōno zairai è una varietà nativa di satoimo o taro, coltivato nella città di Ōno. E' caratterizzato dalla sua polpa estremamente soda e densa che non si disfa facilmente durante la cottura, dalla particolare consistenza glutinosa e gommosa.
 I semi vengono selezionati dai singoli agricoltori locali, ma la specie di Kamisho Satoimo (Ōno nativi) viene mantenuta attraverso il rigoroso metodo di selezione di tuberi di alta qualità.
 I Kamisho Satoimo mantengono una buona reputazione sul mercato, e durante il periodo di massima spedizione, da ottobre a dicembre, raggiungono prezzi elevati.

I Kamisho Satoimo sono Ōno nativi coltivati ​​nella suddette aree. L'associazione dei produttori mantiene i propri standard elevati e non spedisce i taro a meno che non soddisfino rigorose specifiche come la maturazione, la decomposizione, la muffa o malattie. Quelli non conformi alle specifiche, ma che non sono particolarmente danneggiati o marci, vengono utilizzati per la trasformazione alimentare.

L'area di coltivazione del Kamisho Satoimo si trova nel nord-est della prefettura di Fukui, all'ombra del Monte Haku (vedi nota 1) e del Monte Arashima e altre montagne con un'altezza di oltre mille metri. È un cono alluvionale formato da sedimenti costruiti alla base delle montagne. Il terreno argilloso ben drenato è favorevole alla coltivazione del taro.
 Inoltre, durante la stagione di crescita da aprile a novembre, l'escursione termica (data dal risultato del microclima unico del bacino in cui si trova il distretto di Kamisho) crea condizioni che facilitano la traslocazione dell'amido prodotto dal Kamisho Satoimo durante le ore di luce. Questo dà origine ad un satoimo di alta qualità con un elevato contenuto di amido che non si disfa facilmente durante la cottura. La regione gode di condizioni geografiche favorevoli, tra cui abbondanti quantità d'acqua dal fiume Kuzuryū (vedi nota 2) e dal fiume Mana, che facilitano l'irrigazione in estate.
 Le origini dell'"Ōno nativo" satoimo o taro non sono certe, e la varietà era originariamente diversa perché solitamente gli agricoltori locali coltivavano individualmente le varietà ereditate. Tuttavia, il "Centro per il miglioramento agricolo di Okuetsu" organizzò una coltivazione selettiva del satoimo "Ōno nativo" nella regione del Kamisho per tre anni a partire dal 1972. Ciò portò alla selezione della varietà di alta qualità "Kamisho Satoimo (Ōno nativo)".
 La selezione della varietà di satoimo è continuata da allora, quindi oggi viene mantenuta una varietà con caratteristiche consolidate da oltre trent'anni.
 In questo modo, la varietà "Kamisho Satoimo (Ōno nativo)" è gestita dagli agricoltori locali e le condizioni geografiche e climatiche locali favoriscono ulteriormente alle caratteristiche della varietà del "Kamisho Satoimo".

  1. Il Monte Haku, o Hakusan in giapponese, ha un'altitudine di 2.702 metri. Situato nel Parco nazionale di Hakusan nella prefettura di Ishikawa nella regione di Hokuriku, è designato come una delle "cento famose montagne giapponesi" ed è anche considerato uno dei "Tre Monti Sacri" del Giappone.
  2. Il fiume Kuzuryū (Kuzuryū-gawa) è un fiume che scorre attraverso la regione del Reihoku nella prefettura di Fukui. Il suo nome sta a significare che è come un drago a nove teste, rappresentando il fatto che ha molte fonti. Fin dai tempi antichi, sono state tramandati molti miti e leggende al riguardo.

Back to
top

Un invito al fascino delle specialità tradizionali giapponesi