Tajima Gyu / Tajima Beef

Tajima Gyu / Tajima Beef
※Fonti:神戸肉流通推進協議会

Numero di registrazione 2
Nome del prodotto Tajima Gyu,Tajima Beef
Classe Carne
Data di registrazione 2015/12/22
Area di produzione Prefettura di Hyogo
Organismo di controllo Consorzio di tutela

Associazione per la promozione e la distribuzione della carne di Kobe

88 Isumi, Tamatsu-cho, Nishi-ku, Kobe City, Hyogo, 651-2145, JAPAN

http://kobe-niku.jp/en/top.html (English)

Area di produzione

La Tajima Gyu o Tajima Beef è una carne prodotta da bovini di alta qualità di Tajima allevati nella prefettura di Hyogo, di età superiore ai 28 mesi e una media di 32 mesi.

Si dice che la qualità della carne dipende dai suoi manzi e quelli di Tajima, dalle quali proviene la carne, hanno una pelle sottile ed elastica, il pelo soffice e dei muscoli sodi come risultato di ripetuti miglioramenti. Inoltre, oltre al buon sapore della carne, ci sono molte parti commestibili grazie alle ossa fini e al minimo grasso sottocutaneo. Si può dire che il bovino è graziato con le più alte qualità per la consumazione.

Alla carne ricavata dai bovini di Tajima, in base al grado di rendimento A o B, l'Agenzia per la valutazione della carne (Japan Meat Grading Association) , attribuisce i titoli di Tajima Gyu o Tajima Beef solo alla carne ricavata dalla carcassa e che all'interno dei 5 gradi utilizzati per classificare la qualita della carne, si classifica di grado 2 o superiore.

I bovini Tajima sono allevati come bestiame per circa 1200 anni nelle montagne della regione di Tajima nella parte settentrionale della prefettura di Hyogo, in un ambiente naturale privilegiato in cui vi si trova aria pulita, ruscelli puri e un'abbondante erba di montagna. Nell'epoca Meiji (1868-1912), il suo gene fu riconosciuto come razza di alta qualità, e furono allevati in seguito per molto tempo come bestiame dalla carne ottima.

Dal loro pedigree, grazie al loro fisico, sono stati gradualmente allevati non solo nel distretto di Tajima ma anche in tutta la prefettura di Hyogo.

Nello "Shoku Nihongi", la storia ufficiale del periodo Nara che è stato completato nel 797, è riportato che "i bovini di Tajima sono i più adatti non solo per scopi agricoli ma anche come buoi da traino" Inoltre, i bovini di Tajima vengono rapresentati in un'immagine nel libro "Kokugyuujyuzu" (10 dipinti di mucche giapponesi) che si dice sia stato dipinto nel 1310. Il bovino aveva un corpo piccolo e sodo ed era molto usato per spostarsi in piccole risaie per lavori agricoli e per portare del carico. La qualità peculiare della Tajima Gyu è data dall'erba morbida che cresce in questa regione, poiché la rugiada notturna si forma nell'erba a causa di una grande differenza di temperatura tra la notte e il giorno, e grazie all'acqua ricca di minerali.

La carne di Tajima iniziò ad essere consumata quando il porto di Kobe venne aperto nel 1886. Si dice che gli stranieri che arrivavano in Giappone al tempo consumavano la Tajima Gyu ed erano catturati dal suo sapore. Da allora, "ristoranti di gyunabe" (ristoranti di carne di manzo) vennero aperti nella città, i sukiyaki arrivarono nelle tavole delle case giapponesi e la Tajima Gyu divenne sinonimo di banchetto.

Back to
top

Un invito al fascino delle specialità tradizionali giapponesi