Yoshikawa Nasu

Yoshikawa Nasu
※Fonti:農業公社グリーンさばえ 鯖江市伝統野菜等栽培研究会

Numero di registrazione 14
Nome del prodotto Yoshikawa Nasu
Classe Verdura /
Chicchi di cereali / Legumi
Data di registrazione 2016/07/12
Area di produzione Prefettura di Fukui
Città di Sabae
Organismo di controllo Consorzio di tutela

Sabae City Traditional Vegetable Cultivation Study Group

13-1 Nishiyama-cho, Sabae City, Fukui Prefecture

(Agricultural Public Company Green Sabae: in Sabae City Hall Agriculture and Forestry Policy Division)

Area di produzione

Il centro di produzione della Yoshikawa Nasu è nell'ex villaggio di Yoshikawa nella città di Sabae (nei pressi degli odierni villaggi di Tamura e Kawasari).

È una melanzana preziosa, tonda dalla polpa compatta e ha la forma di un sacchetto ovale tipo una borsetta. Ha un gusto forte e la sua forma unica ricorda una palla di baseball dal diametro di circa 10 cm e pesa circa 300 gr. Viene utilizzata in quasi tutti i ristoranti e delle città e della provincia.

La sua coltivazione avviene in serra a causa della sua buccia sottile che si graffia facilmente. È molto umida all'interno creando una densa consistenza quando viene cucinata. Ha un colore nero-porpora ed è lucida. Ha spine pungenti nel calice.

La sua qualità e la sua quantità sono stabili grazie alla dedizione di alcuni agricoltori ben organizzati e qualificati, e la sua spedizione viene effettuata dopo rigorosi controlli. Molto apprezzata per i semi piccoli e per il fatto che resta integra durante la cottura. Viene piantata nel mese di aprile e durante la crescita si lasciano solo i due rami più in alto insieme a quello principale e il resto viene reciso per permettere ai 3 o 4 rami rimanenti di crescere più forti per sostenere le melanzane che così facendo possono crescere più grandi. Il periodo di raccolta va dalla metà di giugno ad ottobre.

La resa annuale è di circa 40 ortaggi per ciascuna pianta meno della metà rispetto alla melanzana ad alto rendimento.

Durante la selezione per la spedizione vengono divise in tre categorie in base al colore nero-porpora, alla lucentezza, alla presenza di graffiature, deformazioni o scottature. Alla prima categoria appartengono le cosiddette "Yoshikawa Nasu" (melanzane di Yoshikawa)che vengono spedite in appositi contenitori per proteggere le spine pungenti del calice

Alla seconda categoria appartengono quelle impiegate per la lavorazione e alla terza categoria, quella inferiore, quelle che non vengono spedite.

L'aerea dell'ex-villaggio di Yoshikawa nella città di Sabae dove vengono prodotte le melanzane di Yoshikawa è una terra fertile dove si accumulano sedimenti a causa delle esondazioni dell'affluente del fiume Hino, Secondo alcuni dati recenti la temperatura media annuale della città di Sabae è di 14,9 gradi e il volume delle precipitazioni in 203 giorni all'anno è di 2,602 ml. Pertanto Il terreno fertile e le precipitazioni moderate durante tutto l'anno hanno fornito un ambiente adatto per la coltivazione delle melanzane che richiedono molta acqua e sostanze nutritive.

La Yoshikawa Nasu raggiunse l'apice della sua produzione nella vecchia area di Yoshikawa tra il 1942 e il 1943 ma con l'avvento di varietà migliorate e ad alto rendimento, la sua produzione diminuì gradualmente. Nel 2009 il suo ultimo produttore morì e la sua produzione stava per cessare quando un gruppo di volontari (l'attuale "Associazione per la ricerca e la coltivazione delle verdure tradizionali della città di Sabae") hanno ricevuto i semi dalla famiglia del defunto agricoltore e da allora la Yoshikawa Nasu continua ad essere protetta.

La Yoshikawa Nasu si è conservata finora senza cambiamenti nella città di Sabae, l'ex-villaggio di Yoshikawa, e viene coltivata in ogni distretto della città dall'"Associazione per la ricerca e la coltivazione delle verdure tradizionali della città di Sabae" che spedisce diecimila melanzane all'anno in tutto il paese.

Back to
top

Un invito al fascino delle specialità tradizionali giapponesi